Condividi
Andare in basso
avatar
VIANDANTE
VIANDANTE
Sesso : Maschile
Messaggi : 208
Visualizza il profilo dell'utentehttp://www.rosatiluca.it

Il ciclo di Death Gate (M. Weis e T. Hickman)

il Lun 13 Ago 2007, 03:10


Il ciclo di Death Gate
è una serie di sette romanzi fantasy scritti da Margaret Weis e Tracy Hickman.

Il ciclo, scritto all'inizio degli anni '90, si svolge in un universo dove, al termine di una guerra tra le due potenti razze dei Sartan e dei Patryn, la Terra è stata suddivisa in quattro mondi ognuno dominato da un elemento (aria, acqua, terra e fuoco), mentre in un quinto, detto il Labirinto (una prigione senziente estremamente letale), i Sartan, vincitori del conflitto, hanno relegato i Patryn e sono misteriosamente scomparsi subito dopo. Secoli dopo i primi Patryn riescono a fuggire dal labirinto ed a penetrare negli altri mondi. I sette libri narrano le vicende di Haplo, un agente dei Patryn inviato ad esplorare i quattro mondi per preparare l'arrivo del suo padrone.


1. L'ala del drago (Dragon Wing) - 1990
2. La stella degli elfi (Elven Star) - 1991
3. Mare di fuoco (Fire Sea) - 1991
4. Il sortilegio del serpente (Serpent Mage) - 1991
5. La mano del caos (The Hand of Chaos) - 1993
6. Nel labirinto (Into the Labyrinth) - 1993
7. La settima porta (The Seventh Gate) - 1994


Margaret Weis e Tracy Hickman erano reduci dal clamoroso successo delle serie di Le Cronache di Dragonlance e Darksword. Il ciclo di Death Gate fu la loro opera più ambiziosa: la creazione di cinque mondi distinti e completamente realizzati. Il ciclo di Death Gate mostrò come la Weis e Hickman fossero maturati come scrittori, la loro padronanza di elementi come il personaggio e la trama migliorarono vistosamente in questa serie rispetto ai libri di Dragonlance.

Così come nelle opere precedenti, gli autori continuano ad esplorare il tema dell'equilibrio e di come l'universo lavora per correggere gli squilibri. Diversamente da Dragonlance, dove l'equilibrio dell'universo era una forza superiore anche alle divinità, l'esistenza di in dio e di divinità non è sviluppata nel ciclo di Death Gate; così l'equilibro è la cosa più vicina alla divinità. Secondo la stessa linea, gli autori continuano a sviluppare il tema degli uomini che ascendono allo stato di dei, in questo caso con le intere razze dei Sartan e dei Patryn in competizione per il predominio. Infine, così come sia nel ciclo di Dragonlance che in quello di Darksword, essi esplorano gli effetti delle modificazioni delle leggi di natura (in questo caso di mondi diversi) sia sulla vita quotidiana che sul destino delle nazioni.
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum